QuattroTreTre

Pensieri all’attacco

Precari a tempo indeterminato

Posted by Francesca su 28 luglio 2008

Non basti l’irrefrenabile voglia di stabilire deroghe al limite per i contratti a termine fissato dalla riforma del 2007 (36 mesi), l’attuale Governo punta a “istituzionalizzare” il precariato, attraverso una norma che, di fatto, salva tutte le aziende che hanno collezionato irregolarità proprio nell’ambito dei contratti a tempo. La legge in questione, che ha già scatenato polemiche, fissa un limite al risarcimento che spetta a chi ha lavorato con un contratto a termine irregolare (da due mensilità e mezzo a sei), ma soprattutto lascia cadere l’obbligo, per le imprese, di reintegrare (ovvero di assumere) il lavoratore sfruttato, almeno per le cause in corso. In sintesi, una vera e propria sanatoria, con le aziende che hanno violato la legge pronte a cavarsela con poche migliaia di euro. Le vittime, invece, possono anche scordarsi di ricevere quanto spetterebbe loro in base al lavoro svolto (spesso per anni).

Nella manovra del Governo, comunque, non mancano altri spunti davvero interessanti. Un esempio? L’azienda non dovrà più motivare in maniera molto particolareggiata i contratti a termine e potrà quindi utilizzarli con maggiore facilità. Già detto, poi, dell’abbattimento dei paletti a tali contratti posti nel 2007 dal centrosinistra (durata non superiore ai 36 mesi, pena la trasformazione in rapporti a tempo indeterminato, con l’eccezione di un ulteriore rinnovo presso la direzione provinciale del Lavoro, alla presenza di un rappresentante sindacale). Insomma, per i precari (soprattutto giovani) sono tempi duri. E pure i discorsi sui benefici legati alla flessibilità del lavoro cadono di fronte alla realtà italiana: tasso di disoccupazione giovanile tra i più alti d’Europa, pochissima meritocrazia e imperante logica della raccomandazione. Non resta che sperare nella fortuna. E, nel caso delle ragazze, nell’ultimogenito di casa Berlusconi…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: